Mecenate e collezionista, nel 1784 Gustavo III di Svezia fu ospite a Parma dei duchi Ferdinando e Maria Amalia. Durante questa tappa del suo grand tour visitò le principali istituzioni culturali e partecipò alle feste allestite in suo onore. Alessandro Malinverni, storico dell'arte (Fondazione Istituto Gazzola), ci condurrà alla scoperta di questo soggiorno e dell'uomo. Il sovrano adottò un gusto nuovo, aggiornato in chiave classicista ma ispirato alla tradizione svedese e reso più sobrio e decisamente moderno, che da lui prese il nome di "stile gustaviano". Appassionato di teatro, promosse nuove sale e fu attore, drammaturgo, scenografo e costumista. Marco Capra, docente di Storia della musica e di Storia del teatro musicale (Università di Parma), si soffermerà sulle opere liriche ispirate alla sua tragica fine, assassinato durante una festa in maschera: Gustave III ou Le Bal masqué di Daniel Auber, su libretto di Eugène Scribe, e Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, su libretto di Antonio Somma, nelle versione censurata e in quella poi effettivamente allestita.

Ridotto del Teatro Regio di Parma

venerdì 19 ottobre 2018, ore 17.00

ingresso libero

 

 

IL RE SOTTO LA MASCHERA:

 

GUSTAVO III DI SVEZIA TRA BODONI E VERDI

 

di
ALESSANDRO MALINVERNI e MARCO CAPRA